Educazione civica: pronti a valutare

Cittadini si diventa

Con l’anno scolastico 2020-2021 l’Educazione civica è entrata a pieno titolo come insegnamento obbligatorio nelle scuole di ogni ordine e grado. Questa volta non si tratta però di una materia che si aggiunge alle altre, bensì della “matrice valoriale” che le informa tutte.

Un insegnamento trasversale per un minimo di 33 ore, di cui tutti i docenti sono contitolari e alla cui valutazione concorrono insieme.

Costituzione, sviluppo sostenibile e cittadinanza digitale sono i tre nuclei fondanti dell’insegnamento che ogni scuola struttura, organizza e integra nel proprio PTOF.

Le indicazioni per la didattica e la valutazione si concentrano in due atti del MIUR:  la Legge 92/2019 (concernente l’Introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica)  e le Linee guida (DM 35/2020 Linee guida per l’insegnamento dell’Educazione civica) con i relativi allegati.
 
Attività e strumenti per la valutazione di Educazione civica

Come insegnare e valutare Educazione civica? Nei corsi Atlas 2021 sono disponibili schede e rubriche dedicate a Educazione civica e all'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Le schede propongono, relativamente alle singole discipline, spunti di riflessione, attività e verifiche funzionali alla valutazione di Educazione civica, la quale concorrerà alla proposta di valutazione complessiva formulata in sede di scrutinio dall'insegnante che coordina (a tale scopo viene proposta una griglia di osservazione e valutazione che si può adattare).

Prova i materiali Atlas per la valutazione del secondo semestre.

Schede di: Arte e immagine a cura di G. Dorfles, M. Ragazzi, C. Dalla Costa; Matematica a cura di In.Twig; Scienze e Tecnologia a cura di Isabella Pratesi e A. Zullini; Italiano, Storia, Geografia a cura di G. Pellegrini.

 

 

Filosofia