Con gli stivali ai piedi: in viaggio tra le zone umide del mondo

Lagune, stagni, laghi, paludi, risorgive: sono le zone umide, aree chiave per la biodiversità, che svolgono un ruolo fondamentale anche nel contrastare i cambiamenti climatici. Materiali abbinati a Vie aperte, la novità Atlas di Geografia a cura di E. Belingheri e G. Pellegrini.
 
 
Il 2 febbraio 1971 con la Convenzione di Ramsar moltissimi Paesi hanno ratificato il proprio impegno nella protezione di queste zone.
Per ricordare l'importanza della loro tutela, il 2 febbraio di ogni anno ricorre la Giornata internazionale delle zone umide: per l'occasione, Atlas propone un percorso interattivo per esplorare le principali zone umide del pianeta e scoprire quali comportamenti adottare per la salvaguardia di questi delicati ecosistemi.
Clicca il bottone qui sotto per vedere il percorso interattivo con spunti, materiali e attività per la classe.
 
 
L'apprendimento è supportato da video, immagini e testi di approfondimento. Il formato Padlet permette di usare la lezione su qualsiasi tipo di dispositivo individuale (computer, tablet, smartphone) e di classe virtuale semplicemente condividendola mediante link

Tutela delle zone umide: informati e agisci

Con il percorso interattivo puoi viaggiare alla scoperta di aree uniche e meravigliose. Tuttavia, per celebrare al meglio questi incredibili ecosistemi puoi prendere parte anche tu alle iniziative di scoperta e tutela delle zone umide.

  • Il primo passo è informarsi: qual è la zona umida protetta più vicina a te? Quali sono le sue caratteristiche? A gruppi, svolgete una ricerca ed esponete quanto appreso con una presentazione multimediale.
  • Il secondo passo è agire: in occasione della Giornata internazionale delle zone umide numerosi enti e istituzioni organizzano eventi e iniziative dedicati; scopri di più visitando, ad esempio, i siti di WWF e Legambiente